La Terra di Mezzo

“La terra di mezzo” di Via Cuppari

Frodo: Lo porterò io! Solo…non conosco la strada
Gandalf: Ti aiuterò a portare questo fardello Frodo Baggins, finché dovrai portarlo
Aragorn: Se con la mia vita o la mia morte potrò proteggerti, io lo farò! Hai la mia spada!
Legolas: E hai il mio arco!
Gimli: E la mia ascia!

(Il signore degli anelli – La compagnia dell’anello)

La comunità di via Cuppari, dal settembre 2004, ospita stabilmente una coppia di adulti con i loro due figli e sette ragazzi fra i 7 e i 18 anni: italiani e stranieri, maschi e femmine, cristiani e musulmani. Ogni nuovo componente modifica il gruppo con la sua presenza, la sua storia, le sue preferenze, le sue necessità e la comunità modula il suo passo adattandolo ad un ritmo il più piacevole possibile per tutti.

Il progetto educativo viene portato avanti da un’equipe di cui fanno parte, oltre agli adulti che vivono nella casa, 7 fra educatori ed operatori che aiutano i bambini e i ragazzi accolti a “portare il loro fardello”, rielaborare i traumi vissuti e costruire una nuova fiducia nella vita e nelle relazioni umane. La casa famiglia, come la “terra di mezzo” è luogo di passaggio verso una destinazione più stabile e duratura (rientro nella famiglia d’origine, affidamento familiare, adozione)

Nei pomeriggi alcuni volontari e tirocinanti aiutano i ragazzi nello svolgimento delle attività quotidiane: fare i compiti, sistemare le proprie cose, fare sport, giocare e aiutare nella preparazione dei pasti.