Servizio Volontario Europeo

La nostra associazione si avvale del prezioso contributo di volontari che, con il loro tempo e le loro energie, ci aiutano nella realizzazione di nuovi progetti, nella gestione delle attività quotidiane, nella raccolta di fondi e soprattutto a creare un clima sereno per i ragazzi che nel Tetto trovano un punto di riferimento.

Nella casafamiglia di via Cuppari è attivo un progetto di Servizio Volontario Europeo

COS’E’ IL SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO
Il Servizio Volontario Europeo offre ai giovani dai 18 ai 30 anni un’esperienza di apprendimento interculturale in un contesto non formale, promuove la loro integrazione sociale e la partecipazione attiva. I giovani possono svolgere un’attività di volontariato in un paese del programma o al di fuori dell’Europa, per un periodo che va da 2 a 12 mesi, lavorando come “volontari europei” in progetti locali in vari settori o aree di intervento: cultura, gioventù, sport, assistenza sociale, patrimonio culturale, arte, tempo libero, protezione civile, ambiente, sviluppo cooperativo, ecc. Sono esclusi interventi ad alto rischio in situazioni immediatamente successive a crisi (aiuti umanitari, aiuti successivi a catastrofi, ecc.).
Il progetto si avvale dei principi e dei metodi dell’apprendimento non formale. Attraverso questa esperienza i giovani hanno l’opportunità di entrare in contatto con nuove culture, esprimere solidarietà verso gli altri e acquisire nuove competenze e capacità utili alla loro formazione personale e professionale.

IL NOSTRO PROGETTO “IL TETTO CASAL FATTORIA DI VIA CUPPARI”
Il nostro progetto ha la durata di 9 mesi. I volontari arriveranno nella struttura di accoglienza a settembre e concluderanno il servizio a giugno.
Verranno coinvolti in una prima fase nell’osservazione diretta del lavoro degli operatori e nel processo di integrazione primaria all’interno del gruppo di lavoro.
Non appena possibile i volontari verranno resi autonomi nello svolgimento del servizio, pur potendo sempre contare nel sostegno continuo dello staff dell’associazione e del tutor personale.
Dopo i primi tre mesi si svolgerà la valutazione intermedia delle attività.
I volontari saranno impegnati 5 giorni a settimana per circa 7 ore.
La settimana di servizio sarà composta da 35 ore: 31 dedicate al servizio vero e proprio, 2 alla riunione di staff e 2 alla formazione, prima linguistica e poi relativa ai contenuti del servizio.
Il servizio si svolgerà secondo una turnazione pianificata mensilmente; ogni settimana i volontari avranno due giorni di riposo.
L’orario e le attività, così come le norme da seguire, saranno decise di comune accordo con i responsabili locali per andare incontro alle necessità di tutti e alle esigenze specifiche dei volontari.
I volontari del servizio volontario europeo condivideranno in tutto la vita della casafamiglia, avranno una stanza insieme ed un bagno all’interno della casa dove vivono anche i bambini e la famiglia residente. Ai volontari verrà garantito vitto, alloggio, tessera per il trasporto pubblico e assistenza nell’apprendimento della lingua italiana.

La presenza dei volontari contribuirà, nell’ambito della programmazione sociale ed educativa individualizzata, a migliorare le possibilità di successo nella carriera scolastica dei minori e a diminuire il rischio di esclusione sociale e di devianza.
I volontari seguiranno un corso di lingua e, indipendentemente dalle attività di formazione centralizzate, seguiranno un calendario di incontri di formazione e valutazione che possano assicurare un adeguato monitoraggio del progetto.
I volontari verranno coinvolti nel progetto in modo completo, continuo ed assolutamente gratuito, e gli verranno garantiti meccanismi di sostegno lungo tutto il periodo di attività, adeguate misure di contenimento dei rischi, monitoraggio, valutazione e follow up.
I volontari inoltre, pur ricevendo specifiche indicazioni sui ruoli e compiti individuati per loro all’interno delle attività, avranno pieno diritto di proporre iniziative personali relativamente alle attività da svolgere e alle metodologie da utilizzare.

Dimensione interculturale
Il progetto, in termini di interculturalità, mira a valorizzazione e promuovere esperienze a favore di una migliore comunicazione ed interazione tra i volontari europei, i bambini e i giovani italiani e stranieri ospiti della casa e che frequentano la struttura.
La presenza dei volontari è stata pensata come ulteriore stimolo all’intercultura ed all’apertura a nuovi orizzonti per gli ospiti della casa famiglia, più della metà dei quali migranti di seconda generazione o minori non accompagnati (in particolare Afghani, Bengalesi, Africani).
L’integrazione, lo scambio di esperienze e le attività degli operatori e volontari italiani con i volontari europei presso la comunità di accoglienza infine potranno senz’altro facilitare l’azione educativa interculturale e la conoscenza di modalità di relazione nuove per tutti i soggetti coinvolti.

Dimensione europea
La forte caratterizzazione multiculturale dell’ambiente in cui i volontari verranno coinvolti potrà innescare dei meccanismi virtuosi di comprensione delle altre culture e di superamento di eventuali stereotipi e pregiudizi, spesso fonti di episodi di razzismo e intolleranza.

The project will be set in one house where live eight children aged from 9 to 18 coming from multiproblematic families, assessed as inadequate or dangerous for their healthy growth. In the house lives a couple, as volunteers, that coordinates an equipe of social workers and psychologists, in a new Southern Rome quarter.
The EVS volunteers, active for 9 months, will be mainly involved in the activities dedicated to the children, through the organization of recreational activities for children, cultural initiatives and exchanges to be realized with the older guests. Moreover volunteers will be involved in the common activities ruled with the other associations of the quarter that collaborate with Il Tetto Onlus as fund raising little market ecc..
Another project in where the volunteers will be involved is our daily center born to help children coming everyday from their families to improve their scholastic results, their disruptive behaviour, their relational problems. Kids are chosen after their teacher or psychiatrist’s segnalation, and groups are made having in count the problems the kids show and their needs. Activities are art therapy, metacognitive laboratory, scholastic help.
Volunteers will also involved in the project named Il Tetto degli Asini: in a field closed to the house, nine donkey and an horse work with the operators of pet therapy, with children with autism or other growth pathology, disruptive or maladaptive behaviour, relational problems.

www.agenziagiovani.it

Visita la pagina dedicata alla nostra associazione sul sito della European Commision Youth